Il 23 gennaio 2018 Matteo Salvini era ospite a “Di Martedì” in onda su LA7 e dai suoi profili social non è mancato l’annuncio per invitare i suoi simpatizzanti a seguire l’incontro televisivo:

Buonasera Amici, che cosa fate? Se vi va, verso le 21.10 sono in diretta su LA 7, intervistato da Giovanni Floris.

Alle 22:45 l’account Twitter ufficiale “Lega – Salvini Premier” pubblica il seguente tweet:

Un Matteo #Salvini STREPITOSO su LA7! Siete d’accordo? #DiMartedi #SalviniPremier

Lo stesso tweet è stato pubblicato da diversi account Twitter (screen di Pia):

Interrogando le fonti aperte di Twitter i singoli account, a partire da quello ufficiale “Lega – Salvini Premier“, scopriamo che la pubblicazione dei tweet è stata diffusa da un’applicazione chiamata “LegaNordIllustrator” ospitata nel sito Matteosalvini.com (“http://matteosalvini.com/seguimitw.asp“):

 

L’interrogazione a Twitter fornisce la sorgente “LegaNordIllustrator”

Se provate ad accedere all’url dell’applicazione trovate soltanto questo:

Il contenuto visibile da browser dell’url “http://matteosalvini.com/seguimitw.asp”

Prendo in esame due account, quello di “Carolina Neri” e “Michele” (rispettivamente “carolinagnappy” e “@46Trento“) e i tweet pubblicati tramite l’applicazione leghista (12):

Ho preso in esame questi due account per il semplice motivo che entrambi mostrano nella loro timeline diversi tweet automatici, ma nel caso di “Carolina” c’è anche un intervento “umano” negli ultimi due mesi (un tweet del 23 gennaio) al contrario di di “Michele“:

I tweet automatici da “LegaNordIllustrator” anche a dicembre
I tweet di “Carolina” e quello “umano” pubblicato da un dispositivo Desktop

Entrambi gli account sono stati utilizzati da anni dall’applicazione, riesco a contarne circa 186 da novembre 2016 ad oggi per “Carolina“. Riporto di seguito il video che ho fatto con i risultati del mio tool che uso per controllare le pubblicazioni degli account Twitter:

Si tratta della stessa “botnet volontaria” di cui si parlava nel 2015 su Motherboard:

Il trucco è nelle mani del social media manager di Salvini, che in occasione del raduno leghista svoltosi a Bologna l’8 novembre aveva ridato vita a una semplice applicazione, LegaNordIllustrator, compatibile con Twitter e già sfruttata in diverse occasioni (ora oscurata, ma era disponibile a questo indirizzo): chiunque poteva associare il proprio account Twitter autorizzando l’applicazione, e garantendo così un retweet automatico di ogni post indicato dall’applicazione. Di fatto quella creata dal social media manager di Salvini è una botnet—in un certo senso ‘legale’, visto che gli utenti avevano volontariamente autorizzato l’utilizzo dell’applicazione; sicuramente ben lontana dall’essere eticamente corretta.

Nel sito MatteoSalvini.com è ancora presente la pagina per iscriversi all’applicazione, ma attualmente sarebbe “temporaneamente sospesa” e nella descrizione si farebbe intendere che sarebbe dovuta durare fino al 25 maggio 2014:

Vuoi essere anche tu portavoce di Matteo Salvini durante la campagna elettorale fino al 25 maggio? E’ semplicissimo: se hai già un account Twitter, compila il campo ‘Tua email’, clicca sul pulsante ‘Registrati con Twitter’ e segui le istruzioni a schermo. Una volta completata la registrazione, il tuo profilo ritwitterà automaticamente i tweet di Matteo Salvini (@matteosalvinimi)!

Motherboard racconta del lavoro svolto da Gilda35 nel 2015:

#alfanodimettiti #media #botnetdemocracy #politcalbots I primi 10 accounts fanno il 40% dei tweets 4.316 Tweets / 9.292 Retweets

All’epoca l’hashtag “#alfanodimettiti” entrò nei trending topic di Twitter grazie anche all’applicazione “LegaNordIllustrator“, un risultato di cui si era vantato lo stesso Matteo Salvini con un tweet del 16 novembre 2015:

#alfanodimettiti è PRIMO nei TT! Non una questione personale, ma buon senso, legittima difesa, voglia di vivere in un Paese sicuro! #Salvini

Sul Github.io c’è un’analisi aggiornata con il grafico dei tweet del 2017 legati all’applicazione “LegaNordIllustrator“:

Il grafico è costruito su 22.013 status tutti Tweet con testi ripetuti rilanciati da un totale di 164 utenti che automaticamente inondavano twitter di contenuti sempre identici
Rispetto ad anno precedente assistiamo ad un uso più costante della app un tweet in un giorno . Con un picco di tweet nel giorno di Pontida 20170917 con 1380 tweet un altro picco il 20170311 con la presenza di salvini a Napoli . Il sud va conquistato con un sacco de tweet tutti uguali … viva il capitano !!! Interessante sempre osservare la sequenza di lancio dei tweet ( prima colonna ORDINE_SEQUENZIALE tabelle linkate nelle relative barre e label del grafico ) pressochè sempre identico

L’utilizzo di questi sistemi hanno ben poco di etico, coloro che non conoscono questa realtà potrebbero pensare che ci sia un forte consenso popolare spontaneo quando invece è gestito tutto tramite un click di un’applicazione all’insaputa dei proprietari degli account (vengono a scoprire il contenuto del tweet solo dopo essere stato pubblicato). La campagna elettorale è in corso, si vede.

AGGIORNAMENTO 25 gennaio

Ho cercato di capire chi era l’autore del lavoro pubblicato su Github.io. L’url era abbastanza curioso riportando la parola “culocane“, ma utilizzando la ricerca avanzata di Twitter (consultandola trovate i tweet in ordine di pubblicazione dal più recente in alto) noto che venne pubblicato per la prima volta il 18 gennaio 2018 da un utente che si fa chiamare “Pippo” (“@sette_7777777“) e che riporta la scritta “Dottor Culo Cane” nell’immagine di copertina del suo account:

Il primo tweet con l’url di Github

Ho provato a chiedere l’identità della persona che si cela dietro all’account, senza ottenere risposta.

QUESTO ARTICOLO È DATATO 24 GENNAIO 2018, ED È TRATTO DAL BLOG DI DAVIDPUENTE.IT